Nuove etichette energetiche, cosa cambia dal 1° marzo 2021

nuove etichette elettrodomestici

La necessità di una maggiore consapevolezza nella fase d’acquisto di un bene energetico per il consumatore, ha portato l’ENEA (Agenzia Nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile) ad introdurre nuove etichette energetiche per alcuni elettrodomestici.

Parliamo quindi di un aggiornamento necessario per migliorare l’efficienza energetica in casa con un uso più guidato e quindi intelligente degli elettrodomestici.

La Commissione Europea, spinta dal volere raggiungere e superare gli obiettivi dell’economia circolare, attraverso l’etichettatura energetiche dei prodotti, ha scelto di incoraggiare la produzione di apparecchiature sempre più efficienti ed eco-sostenibili, in modo da indirizzare le scelte dei consumatori verso il risparmio energetico.

Le etichette forniscono alle famiglie e non, elementi necessari per “leggere” e comprendere i numeri presenti sulle etichette energetiche dei prodotti, consentendo un utile e immediato confronto per acquistare il modello che meglio rispetta l’ambiente con il più alto livello di efficienza e poter così riuscire a risparmiare in modo concreto in bolletta.

Come cambieranno le etichette energetiche

A partire dal prossimo 1° marzo 2021, la classificazione della classe di efficienza energetica vedrà l’eliminazione della cosiddetta e ricercata (tripla) classe A “con tre più” (A+++) per lasciar spazio al solo valore A per indicare la massima efficienza.
La nuova classifica avrà quindi una scala compresa tra A e G (bassa efficienza).

Premettendo che sarà una sostituzione graduale per tutti i prodotti, il nuovo sistema di etichettatura riguarderà inizialmente precise categorie di apparecchiature:

  • 5 domestiche, quali lavastoviglie, lavatrici e lavasciuga, frigoriferi e congelatori, sorgenti luminose, display elettronici;
  • 1 commerciale (per la prima volta), ossia quello per la refrigerazione con funzione di vendita diretta.

Come leggere le Nuove etichette energetiche

Per meglio capire come esaminare una nuova etichetta, abbiamo indicato le principali differenze nella seguente infografica:

Possiamo quindi riscontrare che le due novità rilevanti sono:

  1. Il Codice QR
    La novità di maggior rilievo è senz’altro l’inserimento del QR Code (Codice dinamico di risposta rapido) in alto a destra dell’etichetta.
    Consentirà al consumatore di accedere a informazioni ufficiali aggiuntive tramite la semplice scansione dal proprio smartphone, fornite direttamente dalla banca dati gestita dall’UE.
  2. La Nuova Scala A – G
    Graficamente non è un elemento nuovo se non fosse per l’assenza della presenza della sola A senza “i tre più” che tutti noi siamo stati abituati a leggere su ogni etichetta energetica.La nuova riclassificazione sarà composta dalla sola scala basata sui valori dalla lettera A alla lettera G;
    spariranno così i vari “+” che disorientavano l’utente in fase di acquisto.

Per meglio supportare i consumatori finali, l’ENEA a pubblicato un opuscolo sul suo sito ufficiale che racchiude una guida completa sulle nuove etichette 2021.

Condividi questo post