Aumento delle Bollette 2022: tutto quello che c’è da sapere

crescita_prezzi_luce e gas_gennaio_2022

Siamo in presenza di una situazione assolutamente eccezionale. Sarà determinante l’azione responsabile dei consumatori. Il risparmio energetico è uno strumento cui guardare con attenzione”
È con queste parole che Stefano Besseghini, presidente dell’ARERA, lo scorso 30 dicembre ha preannunciato “i nuovi straordinari record al rialzo dei prezzi dei prodotti energetici all’ingrosso e dei permessi di CO2” che hanno poi aperto il primo trimestre 2022.

Per una famiglia-tipo (intesa con consumo annuo di 2700 kWh di energia elettrica e potenza impegnata di 3kW e consumo annuo di 1400 Smc di gas natuale) appartenente al Mercato Tutelato, regolato quindi dall’Autorithy, gli aumenti sin qui descritti si tradurranno in un incremento del +55% per l’elettricità e del +41,8% per la spesa del gas con gli interventi del Governo; diversamente sarebbero cresciuti rispettivamente del +65% e del +59,2%.

La risposta dell’ARERA a questi numeri è rappresentata dalla conferma dell’annullamento transitorio degli oneri generali di sistema in bolletta e dalla scelta di potenziare il Bonus Sociale ai nuclei familiari in difficoltà nel rispetto della Legge di Bilancio 2022.

aumento luce e gas 2022

Quali sono le cause degli aumenti di luce e gas?

La crescita dei costi delle materie prime introdotta a metà 2021 non giustifica da sola l’aumento storico delle bollette. Analizziamo insieme i fattori che stanno influenzando le spese di luce e gas dei consumatori finali:

  • la pandemia da Covid-19 ha generato un’inevitabile crisi energetica. La ripresa post lockdown ha infatti innescato una bolla dei prezzi alimentata, in particolar modo, dalla scarsità delle materie prime quali gas naturale ed energia elettrica a seguito di una maggiore richiesta;
  • il cambiamento climatico che, sempre più, sta introducendo improvvise alternanze di stagioni con ondate di caldo e di freddo che ci colgono impreparati. Saper gestire al meglio i consumi e di conseguenza saper ottimizzare l’utilizzo di piccoli e grandi elettrodomestici, può influire positivamente in bolletta;
  • la Transizione Energetica e i suoi Carbon credits. La strada che stiamo percorrendo verso forme di combustibili più sostenibili costringono i produttori di energia ad acquistare più permessi di CO2, ovvero i Crediti di carbonio. Questi ultimi, introdotti dall’UE per limitare le emissioni di gas a effetto serra da parte delle aziende, vengono pagati in base alla quantità appunto di CO2 emessa. Complici le misure post COVID-19 previste per la ripresa economica, la produzione (e con essa l’inquinamento causato) è notevolmente aumentata. Per contrastare ciò, l’UE ha scelto di aumentare il costo dei crediti e non il loro numero; motivo per cui le varie aziende riversano i costi nelle bollette dei consumatori.

Come ridurre l’aumento delle bollette

Cambiare il proprio stile di vita è da sempre la chiave del risparmio. Come? Rimodulando le proprie abitudini (gestendo quindi al meglio i propri consumi) e investendo nelle ultime innovazioni rinnovabili. Ecco alcuni utili consigli:

  • monitorare l’offerta attuale. Evitare di conservare tariffe con offerte scadute o non aggiornate oppure scegliere di passare al Mercato Libero dell’energia (se ancora non è stato effettuato), usufruendo così dalle numerose agevolazioni garantite. Inoltre, sottoscrivere un prezzo luce e gas più vantaggioso, permette di limitare le conseguenze delle voci quali oneri di sistema e le spese di trasporto presenti in bolletta.

Se desideri conoscere i prezzi e i relativi vantaggi offerti dal Mercato Libero,
clicca qui e prenota una consulenza gratuita con un nostro Broker Agent

Ricordiamo che il Governo, con il Nuovo Decreto approvato per l’ultimo trimestre del 2021 e confermato per il primo del 2022, ha confermato:

a) l’annullamento degli stessi oneri per la luce fino a 16 kWh (domestici e non pari a 6 milioni di PMI) e la riduzione dell’IVA sul gas al 5% per tutti fino a marzo dell’anno corrente;

b) per i titolari di redditi più bassi, ha previsto il taglio delle bollette sino a marzo, concedendo anche l’opzione della rateizzazione in 10 rate per le morosità senza applicazione di interessi;

c) la proroga della chiusura del Mercato Tutelato di 1 anno, slittata quindi al 1° gennaio 2024, in modo da consentire un cambio fornitore più consapevole.

Contattaci per un’analisi gratuita della tua Bolletta

  • Evitare i consumi stimati attraverso una costante autolettura, comunicando quindi i consumi rilevati per evitare la voce di quelli stimati in bolletta
  • Investire nei Prodotti Green, grazie alla molteplicità delle proposte appartenenti al mondo delle energie rinnovabili quali Caldaie a condensazione, Impianti Fotovoltaici, E-mobility e Climatizzatori che permettono di autoprodurre energia pulita. Ad oggi diventare un Prosumer dell’energia è sempre più vantaggioso (clicca qui e scopri il perché attraverso 5 utili motivi).

Richiedi un Preventivo Gratuito ad un nostro esperto,
scoprirai come
risparmiare con le nostre soluzioni ad energia rinnovabile

Condividi questo post